Iscrivere un animale d'affezione all'anagrafe regionale

Iscrivere un animale d'affezione all'anagrafe regionale

I proprietari, gli allevatori e i detentori di cani, gatti o furetti muniti di microchip sono obbligati a iscrivere gli animali all’anagrafe regionale degli animali d'affezione.
L'iscrizione deve essere fatta entro 30 giorni dalla data di possesso.

Devono essere iscritti all’anagrafe regionale, ma non devono essere identificati tramite microchip i cani:

  • già tatuati, perché iscritti ai libri genealogici ufficiali di razza
  • per i quali il veterinario certifica l’incompatibilità per cause fisiche.

Sono esclusi da questo obbligo solo i cani di proprietà delle Forze Armate e dei Corpi di Pubblica Sicurezza.

Per iscrivere un animale d'affezione privo di microchip all'anagrafe regionale, il proprietario può recarsi:

  • all'ufficio anagrafe canina del suo comune di residenza, dove gli sarà consegnato il microchip identificativo; quest'ultimo dovrà essere esclusivamente inserito da un medico veterinario accreditato, che lo registrerà in anagrafe e rilascerà il certificato d'iscrizione
  • da un medico veterinario accreditato che registrerà e identificherà direttamente l’animale.

Approfondimenti

Iscrizioni di cucciolate

Il proprietario della madre di una cucciolata deve far applicare il microchip ai cuccioli entro 60 giorni dalla nascita, rivolgendosi a un veterinario accreditato oppure acquistando il microchip identificativo all’Ufficio Anagrafe Canina e recandosi poi da un veterinario per l’applicazione.

Sanzioni

Chi non rispetta queste disposizioni rischia una sanzione amministrativa tra € 77,00 e € 232,00.

Servizi

Per presentare la pratica accedi al servizio che ti interessa

Puoi trovare questa pagina in

Ultimo aggiornamento: 14/01/2021 15:44.16